Joomla in Locale - la guida e gli strumenti per installare joomla in locale

Joomla in Locale - la guida e gli strumenti per installare joomla in locale 4.7 out of 5 based on 7 votes.

Molti amici, conoscenti o semplici appassionati spesso quando mi chiedono che cosa faccio e come sviluppo siti web mi chiedono come poter cimentarsi in alcune semplici prove senza dover mettere i propri contenuti online, in poche parole mi chiedono come installare Joomla in locale sul proprio pc e senza dover impazzire. Questo mio articolo è proprio dedicato a tutte queste persone, per chiarire loro le idee circa le varie possibilità e gli strumenti da utilizzare per riuscire a fare tutto ciò nel modo più semplice e flessibile. In realtà rispetto a qualche anno fa le operazioni sono notevolmente semplificate e oggi grazie a qualche development tool e ad una sua corretta installazione possiamo essere operativi in brevissimo tempo, non solo, qualora il nostro lavoro dovesse piacerci particolarmente esistono degli strumenti di esportazione molto flessibili che ci permettono in brevissimo tempo di mettere il nostro lavoro online.

Partiamo da dei semplici presupposti prima di iniziare la nostra guida: quale ambiente dovremo ricreare sul nostro pc/mac di prova per poter installare Joomla correttamente e avere a disposizione tutte le sue funzionalità? Come tutti ben sappiamo Joomla si basa su un sistema LAMP (Linux, Apache, MySQL, Php) per poter funzionare, oggi in realtà con le nuove versioni le cose sono leggermente cambiate, innanzitutto da qualche anno ormai è stato ottimizzato per il funzionamento su server Windows basati su IIS, in secondo luogo perchè con la versione 2.5 Joomla può appoggiarsi su sistemi Database più complessi come Oracle e PostgreSQL oltre al classico e consolidato MySQL. Senza addentrarci essessivamente questi campi che credo interessino meno a chi si avvicina a Joomla per le prime volte oggi vi descriverò le varie modalità per poter ricreare sul vostro pc di casa quell'ambiente necessario all'installazione di Joomla in locale.

 

Microsoft Webmatrix

webmatrix

Microsoft Webmatrix del quale vi abbiamo già parlato in un vecchio articolo è un web development tool che ricrea un ambiente basato su server Windows IIS. Offre una serie di vantaggi indubbiamente apprezzabili fra cui sottolineo la semplicità nell'esportazione in remoto dei nostri contenuti. Scarichiamo il nostro pacchetto direttamente dal sito di microsoft webmatrix e procediamo con la nostra installazione. Una volta completata ci verrà richiesto quale pacchetto intendiamo installare tra le varie opzioni, ce ne sono tantissime, oltre a tutti i cms esistenti fra cui Drupal e Wordpress troveremo anche Joomla, in questo caso esistono la versione italiana (potrete prelevare la 1.6) o quella inglese (è disponibile la 2.5.2). Il grosso limite di Wembatrix è che vi costringe a scaricare le versioni presenti all'interno della sua piattaforma in quanto certificate compatibili con Windows IIS server, sognatevi per cui di poter installare l'ultima versione o versioni customizzate di Joomla (tipo quick start package di un template). Una volta scaricato il pacchetto procederà chiedendovi i dati utente, amministratore e database; questa sezione mi ha fatto impazzire in quanto chiede di inserire password compesse con caratteri speciali e cifre, la cosa si complica perchè ne chiede sia per il database che per il login joomla e si rischia di fare confusione, inventatevi tutte le password e i nomi utente e db ma segnate tutto su un foglietto per non dimenticarle e una volta che verranno accettate le vostre credenziali proseguite. Vi troverete di fronte alla schermata che vedete a destra e potrete amministrare i vostri siti web di prova e crearne quanti ne vorrete, la cosa bella è che qualora decideste che un progetto è meritevole potrete facilmente tramite l'interfaccia sciegliere un servizio di hosting compatibile tra quelli proposti, effettuare una sottoscrizione e fare una migrazione su un dominio da voi creato del vostro elaborato!

Xammp, Wamp server, Mamp e EasyPHP

WampServer-Bar1Tutti questi pacchetti sono piuttosto simili tra loro e ricreano sul vostro PC (o sul vostro MAC nel caso di Mamp) un ambiente LAMP in pochi e semplici passaggi. Per semplicità mi concentrerò nella spiegazione del funzionamento di Wamp, tutti i sistemi hanno tra loro delle differenze minime, forse il più complesso è easyphp che necessita di essere configurato in modo più approfondito a livello di database; per questo mi sento di consigliarvi di provare inizialmente xampp o wamp se avete un pc e Mamp (scelta obbligata) se avete un MAC; se volete avere dei riferimenti più precisi e una guida approfondita su Mamp vi consiglio la guida presente su corsijoomla.com.
Scaricate Wamp dal sito dello sviluppatore ed eseguitelo semplicemente; nella taskbar a destra del vostro PC comparirà l'iconcina di Wamp, cliccandoci sopra vi troverete il menu mostrato nell'immagine.
Il vantaggio di Wamp è che potete editare le impostazione del php.ini direttamente dall'interfaccia del tool, se andate su PHP->impostazioni PHP togliete la spunta Display errors per evitare la visualizzazione del debug errori a noi poco utile. Per l'installazione di Joomla il resto lo possiamo lasciare come è già impostato di default, cliacchiamo su start all services e andiamo sulla gestione database da phpMyAdmin, creiamo un database chiamato prova che utilizza lo standard di caratteri utf8-unicode come in figura e salviamolo. A questo punto andiamo a scaricarci l'ultima versione di joomla in italiano dal sito di joomla.it, andiamo su eslora risorse e entriamo nella cartella c:\wamp\www e andiamo a scompattare il nostro pachetto di joomla all'interno di una cartella da noi creata all'interno del folder (es c:\wamp\www\miositojoomla).
Andiamo a cliccare sulla nostra iconcina wamp, verifichiamo che tutti i nostri services siano online (in quel caso l'icona wamp è verde) e clicchiamo su localhost, ci compoarirà la seguente schermata come sotto:

Browser localhost

Clicchiamo sulla nostra cartella che abbiamo creato che viene visualizzata su Your Projects, nell'esempio sopra comparirà miositojoomla, nell'immagine sopra ne vedete adirittura tre! A questo punto cliccando sulla nostra cartella ci troveremo di fronte alla classica installazione di joomla, verificate che nella parte in alto non ci siano voci in rosso (qualora ve ne siano modificate quella voce dalla configurazione del php.ini) e inserite i parametri del database come nell'immagine sotto:

impostazioni database joomla
Decidete le credenziali da inserire per il vostro accesso in joomla, eliminate la certella installation e in un batter d'occhio il vostro sito sarà pronto in locale sul vostrodisco fisso. Ovviamente al posto dell'accesso ftp potrete caricare dati direttamente sulla vostra cartella presente sul disco fisso (es c:\wamp\www\miositojoomla).
NB: alcuni componenti per poter funzionare correttamente deveno essere installati in remoto, purtroppo in questi casi non riuscirete a provarli in locale, ad esempio io ho avuto difficoltà con Sh404 SEF il quale in locale non riusciva a fare il rewrite degli url. A parte questi spiacevoli casi poter fare prove in locale è a mio avviso un valore preziosissimo e una palestra fondamentale non solo per chi è alle prime armi.
Come ultima raccomandazione vi dico di utilizzare e installare solo uno dei suddetti software alla volta, se ne avete più d'uno installato potrebbero andare in conflitto tra loro e darvi dei problemi!
Nelle mia prossima guida affronterò come ripristinare un backup akeeba, la cosa può risultare interessante anche per chi vuole trasportare un sito sviluppato in locale su un server remoto.
Spero che questa guida vi possa essere utile!
Stay tuned.

Letto 12186 volte Ultima modifica il Sabato, 16 Giugno 2012 11:48
Vota questo articolo
(7 Voti)